(IN)TOLLERANZA ZERO. MOBILITAZIONE ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA

Spread the love

Insieme all’appello alle autorità per vietare la manifestazione di Forza Nuova prevista per il 23 marzo 2019 a Prato, il mondo antifascista pratese ha promosso una petizione su change.org che in pochi giorni ha raccolto quasi 8000 firme e il numero cresce di ora in ora. Firma anche tu su http://chng.it/PtZm7xqc, Inoltre è stato promosso un appello alla mobilitazione, di cui pubblichiamo il testo…(IN) TOLLERANZA ZERO_Prato Città Aperta, Plurale e Antifascista_

Sabato 23 marzo Forza Nuova intende commemorare a Prato i cento anni dalla fondazione dei Fasci di combattimento.

Questa celebrazione nella nostra città è un chiaro e inammissibile sfregio ai valori dell’antifascismo degnamente rappresentati da Prato, Medaglia d’Argento della Resistenza, e una minaccia alla convivenza plurale e pacifica.

In un momento storico in cui la maggior parte degli episodi di violenza e stragismo – dopo quelli legati alla criminalità organizzata e ai femminicidi – avviene per intolleranza o razzismo (come la strage di piazza Dalmazia e il successivo omicidio di Idy Diene, sempre a Firenze) vogliamo affermare in modo fermo e corale che Prato è una città aperta, solidale e antifascista.

Questa parata nostalgica e xenofoba di FN è un’offesa alla Memoria delle vittime del fascismo, ai loro parenti, alla nostra storia e all’identità cittadina, a cominciare dai lavoratori tessili rastrellati e deportati proprio nel mese di marzo 1944.

Il fascismo non è “passato” ma è più che mai attuale.
Lo si rivede nei provvedimenti liberticidi e discriminatori che colpiscono diritti civili, spazi pubblici e categorie più sensibili – come minoranze di stranieri, giovani e donne –, capri espiatori di campagne politiche che minano la coesione sociale, e soggetti peraltro ad aggressioni non solo verbali o mediatiche, ma sempre più violente e squadriste.

Noi, cittadine e cittadini di Prato e della Toscana respingiamo questa visione e ci opponiamo con fermezza alla concessione degli spazi ad una simile organizzazione, che vuol mettere in pratica una vera “invasione” della nostra città, in spregio ai valori democratici e antifascisti, inscritti nella Costituzione della Repubblica nata dalla Resistenza.

Non si può essere tolleranti con l’intolleranza, con chi fomenta discriminazioni e guerre fra poveri, perché dal ripudio del fascismo nasce l’amore per la libertà.

Perciò vogliamo manifestare in maniera ferma, decisa e pacifica l’opposizione a queste organizzazioni di stampo fascista, facendo appello a tutta la cittadinanza e alle realtà antirazziste e antifasciste del territorio a scendere insieme in piazza sabato 23 marzo, per lanciare il messaggio unitario che simili scorribande non sono benvenute a Prato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 4 = 6